Stefano Cecchi | Bio (ita)
536
page-template-default,page,page-id-536,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,
   

Stefano Cecchi (Torino 1971), imprenditore e creativo, cresce tra gli Stati Uniti e la Gran Bretagna dove si laurea nel ’93, anno in cui inizia la sua attività imprenditoriale. Apre e sviluppa agenzie di moda a Londra negli anni ‘90 (Wild, Next London). Nel 2000 crea un’etichetta discografica (Cecchi Records – 60 dischi all’attivo) importando il Buddha Bar in Italia e lanciando progetti di architettura musicale per i grandi brand della moda e del lusso (Fendi, Tod’s, Zegna, Vogue, Diesel, Maserati, Swatch..). Contribuisce alla nascita di marchi di abbigliamento (Hydrogen Bikinifuxia, Melody Maker) e si occupa dell’apertura di concept stores (San Carlo dal 1973). Nel decennio 2000-2010, collabora con oltre 100 multinazionali sviluppando progetti a 360 gradi: campagne stampa, operazioni di co-marketing, co-branding immagine e corporate identity. Nell’Aprile del 2010 viene chiamato a Malta per presentare il “Lifetime Achievement Award” alla carrirera di Michael Jackson che consegna alla sorella La Toya. Tra il 2010 e il 2015 pubblica 2 libri, uno autobiografico (PLAY) e un antologia di progetti (10 Anni 1000 Progetti), entra in partnership in Medio Oriente con lo Sceicco Al-Thani (NBK) e Alifood International. Successivamente pianifica il rilancio del marchio di famiglia Gelati Cecchi 1936. Nel 2015 viene nominato International Marketing Director dell’azienda Borsalino, per la quale progetta il piano Marketing durante l’acquisizione da parte del fondo Haeres Equita. Nel 2016 – 2017 accetta la nomina da Tankoa Yachts di Brand Ambassador – GCC Qatar. Nello stesso periodo accetta la nomina di Brand Ambassador anche da Baglioni Hotels e da Balich Worldwide Shows Corporation. Dal 2017, unitamente ai suoi ruoli istituzionali, si dedica quasi completamente al settore del Food & Beverage. Insieme al fondo RFK (RedFish Kapital) ridá vita allo storico marchio Cecchi 1936, venduto dalla sua famiglia alla Nestlé nel 1973. A soli due anni dalla rinascita la NewCo apre il capitale ad un secondo fondo, HIND (Holding Industriale) che ne acquisisce la maggioranza: l’operazione genera così una valorizzazione pari a 10 volte la capitalizzazione iniziale.
Del suo lavoro si occupano le principali testate giornalistiche italiane e straniere e, per la sua capacità di innovazione imprenditoriale e creazione di neologismi, l’Enciclopedia Treccani gli dedica un intero paragrafo. Dal 2021 si dedica agli investimenti “asset backed” e crea, a Londra, il fondo di private equity “Fondo per l’Arte – FpA” che investe in arte moderna e contemporanea con particolare interesse agli artisti emergenti.
“Non c’è persona a cui il marchio di enfant prodige si addice di più” (Capital – Ottobre 2007). “Ristorazione, moda, musica sono una cosa sola agli occhi di Cecchi battezzato Poster Boy dei giovani imprenditori italiani” (Il Sole 24 Ore – Aprile 2005). “Manager in ascesa, mixando alta moda, arte, musica, high tech ha rivoluzionato il commercio della città.’’ (Panorama – Novembre 2003). “È la nuova filosofia del «pret-à-manger», termine inventato dal rampante Stefano Cecchi, giovane imprenditore torinese che, dopo aver consolidato un impero della moda..” (Enciclopedia Treccani 2008). Viene inserito da Sky tv (E! News) nella top ten dei trentenni di successo. Oggi vive tra la Spagna, la Francia e l’Universo creativo, guarda il futuro e vende idee in tutto il mondo.

Charity bio

Stefano ha prestato la sua immagine a sostegno della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi cistica presieduta da Matteo Marzotto per la sesta edizione dell’evento benefico di Portofino 2010 in qualità di testimonial raccogliendo fondi e promuovendo l’evento. In precedenza ha sempre dimostrato attenzione e sensibilità nel sociale, che attua privatamente con gli anziani o sostenendo insieme ad altri imprenditori iniziative come l’evento (Turin Marathon) realizzato per la Fondazione “La Stampa Specchio dei Tempi” e la Croce Verde in soccorso degli anziani in condizioni disagiate. Da un anno collabora con la Seedling Nursery School di Tilak Nagar Jaipur in India che offre assistenza ai bambini abbandonati.